THE TIDE                                                                                       
Europan 9, New public spaces, Opatija (HR), 2007.

Lo spazio pubblico è un campo di relazioni. Tra attività, tra flussi, tra persone. E' possibile dare una forma a questo tessuto?
Un grande piano piegato e curvato, collega il mare e la spiaggia con lo spazio urbano. Un' onda, le cui bolle, invadono la piazza specializzandosi. Le bolle interagiscono tra loro, attraendo e scambiandosi fruitori come fossero atomi e molecole, generando differenti usi dello spazio urbano. Il risultato di queste interazioni è un playground aperto, dove l'architettura rinuncia a ridursi ad un ordine e si apre alle esigenze dei fruitori.

Progettisti: Roberto Grossi, Sarah Notrica.
L'ALVEARE                                                                                    Riqualificazione di P.za A. Pecile, Roma, 2006. 6° Classificato.

Uno spazio urbano denso, quasi un alveare, completato nel modo più naturale: un prato fiorito. Un frammento di natura, ma anche un piccolo polmone urbano.                                              La piazza è organizzata in bande piegate in base a tre tipi di spazi: orizzontali, inclinati percorribili, inclinati non percorribili. L'attraversamento provocherà diverse sensazioni, tattili, visive e olfattive a seconda della sistemazione a verde incontrata. La piazza è completata da un edificio improntato ai principi della bioarchitettura.

Progettisti: Roberto Grossi, Sarah Notrica, Paola Pimpini.     Collaboratori: Blu Mambor.
CLIMBING THE MOUNTAIN                                                          
Europan 8, Building with Nature, Cartes (E), 2005.

E' possibile abitare la natura senza alterarne le caratteristiche? Superare la dicotomia tra paesaggio e architettura?
Tre insediamenti colonizzano a varie quote il sito con degli edifici dal profilo inclinato, che si fondono con la collina aggiungendo nuove complessità al pendio. Le coperture sono degli spazi multifunzionali, urbani e naturali al tempo stesso: piazza inclinata, giardino, belvedere, sentiero, pista per mountain bike.
Gli edifici sono collegati tra loro da piattaforme parzialmente interrate che ospitano parcheggi, negozi e servizi.

Progettisti: Roberto Grossi, Sarah Notrica.
CASE PUSH/PULL                                                                        
3° premio E. Lusana " La casa leggera", Sperlonga, 2004.

Un'operazione di ibridazione tra una casa a ballatoio e una serra agricola, per un'area di confine, sospesa tra campagna e città. Gli edifici, composti dalle serre solari di policarbonato a Sud, e dalle abitazioni rivestite da un involucro opaco di fibrocemento, che le protegge dal freddo e dal rumore a Nord, si aprono e si chiudono a seconda delle stagioni accumulando o disperdendo calore. Un sistema solare passivo, una "casa leggera" ed estremamente economica.

Progettisti: Roberto Grossi, Sarah Notrica.